Come avere successo col Rap

Sembra essere diventato l’imperativo dei giorni nostri per chiunque ormai: successo. Già, ma come si fa ad avere successo con il Rap? 5 spunti direttamente da Paola Zukar.

Avere successo nel lavoro e nella vita in generale è sicuramente un’ambizione condivisa. Nel rap italiano dei giorni nostri sembra sia diventata invece la ragion d’essere. Già, quali sono però i punti chiave su cui puntare per avere successo con il Rap?

Come si può avere successo col Rap?

Credo sia sotto gli occhi di tutti come appena qualcuno davvero riesce a fare il botto o semplicemente emergere con la musica arrivano insieme al successo per questo artista anche un mare di cloni.

Piccolo spoiler su quello che dirò più avanti: non c’è formula magica per svoltare. Non solo, se copi e cerchi di essere qualcun altro o fare come lui ecco che sei già sulla strada sbagliata.

Non voglio ridurre tutto a massime del tipo che devi essere te stesso e che per emergere bisogna portare qualcosa di diverso rispetto agli altri o non riuscirai mai a differenziarti. Meglio, non voglio ridurre tutto a questo. C’è dell’altro, ci arriveremo.

Questione di priorità

Molti traducono il tutto con il diventare famosi e c’è da dire, comunque, che i tempi sono cambiati, ci sono sicuramente molte più opportunità e mezzi diversi per arrivare ad un pubblico più grande. I rapper e beatmaker di oggi, per esempio, hanno a disposizione Spotify, una piattaforma gratuita con la quale farsi conoscere e guadagnare (volendo) anche da subito.

Cambiano i tempi, i modi e gli interpreti. Diversi sono i cambiamenti portati dallo streaming Spotify nel rap italiano. Ai miei tempi ci stava MySpace. Siti a parte, erano i soliti 4 gatti a sentirsi il Rap. Nonostante questo abbiamo sempre fatto musica con grande passione, ci sentivamo appagati da tutto ciò.

Il focus principale era sulla musica e nessuno di noi pensava minimamente ai soldi o chissà che cosa. Ora invece non conta altro che non sia fare successo col Rap e diventare famosi. La musica sembra passi quasi in secondo piano. Ai beatmaker sembra importi di più trovare come guadagnare vendendo beat online piuttosto che mettersi a studiare, trovare drum kit nuovi, studiare plugin VST ed effetti vari, imparare a conoscere ed utilizzare il mixer.

Priorità che cambiano. A mio avviso non è che siano cambiate troppo in meglio, magari verrò smentito nelle prossime ore. Chi può dirlo?

Guarda qui: spazio gratis per rapper e beatmaker emergenti

Se cerchi di essere qualcuno prova con te stesso

Fare successo nel Rap: 5 consigli di Paola Zukar

L’ispirazione per questo articolo mi viene dal libro di Paola Zukar Rap – Una Storia Italiana. Lettura importante, molto bella e che ti consiglio di affrontare quanto prima se non l’hai già fatto. All’interno del libro ci sono innumerevoli spunti di riflessione sul Rap italiano e sul fare musica in generale.

Ecco, tra tutti questi ne conto 5 sui quali mi trovo molto d’accordo e che voglio condividere con te che muori dalla voglia di svoltare, diventare un rapper famoso, insomma, avere successo facendo Rap, in Italia, oggi. Ho una brutta notizia per te: non ci sono formule magiche. Vediamo invece quali sono secondo la signora del Rap italiano i 5 punti chiave per fare carriera col Rap.

Senti il bisogno di dire qualcosa

Primo punto fondamentale: l’urgenza di voler dire qualcosa, di voler comunicare. Si tratti poi di malessere o di voler semplicemente intrattenere le persone non fa differenza. La costante è che senti il bisogno di voler comunicare. La motivazione numero uno dovrebbe essere proprio questa, l’urgenza di voler dire qualcosa di unico e speciale per forma e contenuto. È normale muovere i primi passi ispirandosi ad altri ma subito deve iniziare la ricerca di quel quid, quel segno particolare che aiuta a distinguersi, ad emergere.

Comunica agli altri la tua passione

Secondo spunto: far arrivare al pubblico più ampio possibile la motivazione numero 1. Senza troppe edulcorazioni, senza troppe mediazioni, senza troppi compromessi. Snaturare completamente quel tipo di messaggio che ha creato il desiderio di essere artisti (o non avere alcun messaggio da veicolare) conduce ad una carriera breve, confusa e incerta. La ricerca di un equilibrio tra il genere Rap (con i suoi punti cardine) e il contesto in cui andrà ad inserirsi, farà in modo che si parli ancora di Rap e non di pop, dandoti una carriera senza ombre, sicura, non vittima delle mode del momento.

Leggi anche: Grime Rap, cos’è e che origini ha?

Fallo per te prima che per gli altri

Prima dei feedback, della famosa critica costruttiva (sulla quale potremmo disquisire negli eoni a seguire, per quanto mi riguarda), prima ancora di anche solo pubblicare qualcosa di tuo online con Facebook, YouTube o Spotify c’è una cosa chiamata piacere personale. La musica devi farla prima per te che per altri.

La soddisfazione deve giungere a te dal fatto stesso di creare musica che abbia poi un riscontro nelle persone. In un mondo di personaggi in cerca di autore la chiave resta la genuinità di ciò che si fa. Onestà e schiettezza.

Migliora come artista e come persona

Raggiungi i tuoi limiti e studia per superarli e arrivare sempre più in là. Perfeziona la tecnica con la pratica. La qualità media delle proposte oggi online è sicuramente più alta ma tutti sembrano uguali. Manca l’originalità che è invece un perno fondamentale. Nessuna mission, poco struggle, pochi i nomi che dimostrano di avere qualcosa in più.

Una parentesi rosa

Per le ragazze all’ascolto: seguite da vicino gli amici rapper, curatene il management, è molto importante che ci sia qualcuno di forte che abbia un ruolo di mediazione, per esempio, tra artisti e locali. Le possibilità sono diverse, il mondo della musica ha più sfumature per chiunque voglia entrare a farne parte.

Per approfondire: Come il freestyle aiuta a fare Rap

Rap e successo: la tua opinione

So che ti aspettavi forse la formula magica per avere successo col Rap, in realtà per prima cosa devi essere fan di questa cosa. Devi metterci del tuo giorno dopo giorno per migliorare te stesso e la tua musica. Non ci sono regole scritte da seguire, come hai visto. Secondo me è solo questione di trovare una propria dimensione, una propria identità.

Molto dipende anche dal pubblico al quale vuoi rivolgerti ma niente ha motivo di esistere se tu per primo non hai nulla da comunicare alle persone. Idea mia, condita qui con alcuni spunti dal libro di Paola Zukar Rap – Una Storia Italiana. Tu cosa ne pensi? Visti anche i tempi che corrono cosa serve avere o fare per svoltare con il Rap? Fammi sapere la tua nei commenti qui di seguito. Nel frattempo, come sempre: buona musica! 🙂

Lo spazio che cerchi è qui (gratis)

Se sei un rapper o beatmaker allora siamo qui ad aspettare proprio te, per rendere il nostro archivio sempre più ricco e darti lo spazio che cerchi per farti conoscere.

La tua scheda è qui

Un nano sardo con la passione per la musica, il piacere della lettura e il vizio di scrivere. Padre di Beat Torrent, vecchio matusa brontolone, lavoro come Web Designer. Rimo da quando si spammava su MySpace.

Lascia il tuo feedback

commenti