La Dark Polo Gang fa un passo oltre la Trap: baby che noia

La prima uscita ufficiale del collettivo capitolino che tutto il mondo ci invidia è finalmente fuori ma presenta più ombre che luci: la mia su Trap Lovers.

Prima uscita ufficiale per la Dark Polo Gang, la trap band romana che tanto ci ha fatto scapocciare con hit come Sportswear, Cono Gelato, British e Fiori del Male. Ecco Trap Lovers. A me l’arduo compito di raccontare un disco non indimenticabile. Del resto: è l’Europa che ce lo chiede!

Dark Polo Gang: Trap Lovers, perché cambiare adesso?

Purtroppo o per fortuna, a seconda dei punti di vista, non c’è molto da dire su quella che doveva essere la consacrazione dark in salsa major. Trap Lovers ricalca quanto già sentito e risentito nei precedenti lavori della Dark Polo Gang. Cosa cambia rispetto a prima? Alcuni spunti in rapidità:

  • c’è la firma pop del maestro Michele Canova
  • si chiama disco ufficiale e non più mixtape
  • si fa un passo oltre la trap (con pro e contro che ne conseguono)
  • sono meno meme e forse anche meno spontanei

Il disco non è così bello da strapparsi i capelli ma nemmeno così scandalosamente brutto da fargli fare la fine dell’Andrea Doria. Ti suggerisco di ascoltarlo magari dopo una bella cena perché lascia l’amaro in bocca.

Da leggere: che differenza c’è tra indie e trap?

Cambiare adesso?

Cambiare Adesso si presenta come primo singolo e manifesto della nuova (?) Dark Polo Gang in veste major. A me sembra più un quesito da porsi: perché cambiare adesso? Ma soprattutto, visto il fenomeno musicale che questi ragazzi incarnano: c’era davvero bisogno della mano Universal? Secondo me no.

Leggi anche: quanto costa produrre un disco?

Baby che noia

Forse il singolo che meglio riassume questo disco è proprio Baby Che Noia. Già, perché al netto dei pezzi trap in perfetto stile dark come Splash, Che Bello Essere Dark e Young Rich Gang – i miei preferiti nel complesso dell’album – c’è poco e nulla da segnalare. Rimandato Mambolosco: anonimo e inconsistente l’unico ospite del disco.

Toy Boy, Peter Pan e, appunto, Baby Che Noia aprono ad un lato più intimo e romantico di Pyrex, Wayne e Tony, oggi meno vittima dei loro stessi personaggi ma forse anche per questo meno spontanei. L’impressione è che abbiano perso mordente. A livello lirico (!!) siamo alle solite cose già sentite sin dalla genesi del gruppo.

La cura musicale è affidata alla mano del maestro Michele Canova, alle produzioni di Sick Luke e l’intervento estemporaneo di Chris Nolan, producer di Tedua che firma il singolo Uomini E Donne: pezzo dal mood squisitamente esotico e caraibico che mi ha riportato alle recenti vacanze al caldo della mia Sardegna.

Da leggere: Tedua & Chris Nolan – Mowgli (recensione e streaming Spotify)

Era così bello essere dark

Concludo. Forse il formato esteso a 12 tracce impedisce di cogliere l’essenza Dark Polo Gang che, come accennato, c’è. Si sente poco ma c’è. Trap Lovers apre forse troppo al pubblico pop e suona dunque un po’ dispersivo.

Pyrex, Tony Effe e Wayne Santana, ieri vittima dei meme viventi che si sono creati nel tempo, sono oggi vittime dell’ansia da prestazione che porta loro a bruciare le tappe a favore di una (pre)maturazione non richiesta perché non necessaria. Insomma, parafrasando la litania dei dogofieri con il cuore infranto: non sono più quelli di Crack Musica. E dire che era così bello essere dark.

Lo spazio che cerchi è qui (gratis)

Se sei un rapper o beatmaker allora siamo qui ad aspettare proprio te, per rendere il nostro archivio sempre più ricco e darti lo spazio che cerchi per farti conoscere.

La tua scheda è qui

Un nano sardo con la passione per la musica, il piacere della lettura e il vizio di scrivere. Padre di Beat Torrent, vecchio matusa brontolone, lavoro come Web Designer. Rimo da quando si spammava su MySpace.

Lascia il tuo feedback

commenti